• it
  • en

Dal calore della terra, la cura per l’ambiente

Floramiata presente al Flormart di Padova dal 26 al 28 Settembre

Floramiata sarà presente al Flormart, il “Salone Internazionale del Florovivaismo, paesaggio e infrastrutture verdi”, che si terrà nei giorni del 26, 27 e 28 Settembre nella tradizionale sede del polo fieristico di Padova. L’evento, giunto alla 70^ edizione, vede la partecipazione delle più importanti realtà imprenditoriali del settore florovivaistico nazionale e internazionale, proponendo nei tre giorni appuntamenti innovativi per sostenere lo sviluppo e la competitività del florovivaismo italiano e per orientare il comparto verso i valori della biodiversità e del rispetto per l’ambiente.

Temi molto cari per Floramiata che produce principalmente piante verdi e fiorite da interni di origine tropicale, attraverso l’utilizzo del naturale calore geotermico di cui l’Amiata è ricca. Calore geotermico che permette di coltivare, in ogni stagione, piante a temperatura costante superiore ai 25°; una condizione che insieme all’illuminazione naturale, all’utilizzo di schermi termici mobili e a sistemi di irrigazione goccia a goccia, permette all’azienda di ottenere un prodotto di qualità superiore con un notevole risparmio energetico e idrico.

A questo va aggiunto che i 3.000.000 circa di piante prodotte all’anno, catturano oltre 600 tonnellate di CO2 all’anno, corrispondenti a quella catturata da 55 ha di castagneto. Un ciclo produttivo dove ambiente, prodotto e territorio sono unisono e motivo basilare nelle scelte dell’azienda che aspira a divenire la prima impresa floricola europea “carbon free”.

L’azienda che ha chiuso il bilancio 2018 in positivo, aumentato la propria forza lavoro, oggi pari a più di 140 unità, sta mettendo in campo una significativa azione di innovazione attraverso importanti investimenti che vanno ad aggiungersi a quelli già messi in essere. Tra questi, l’utilizzo di un nuovo e sofisticato software dedicato alle operazioni di post produzione (gestione del magazzino, carrellizzazione, spedizione e fatturazione), piani formativi e investimenti mirati a rafforzare la qualità della produzione che trae valore anche da un rapporto col territorio, connubio sempre più caratterizzante le scelte aziendali. Tra le novità, anche la realizzazione di un vivaio esterno (circa 8 ettari) e di ulteriori spazi serricoli riscaldati dal calore geotermico, che si aggiungono ai 24 ettari già presenti che sfruttano questo tipo di risorsa naturale nell’area.

Un’edizione del Flormart che vedrà dunque Floramiata tra i protagonisti principali, presentandosi come azienda che guarda al futuro ampliando la sua tipologia di produzione attraverso un deciso percorso di innovazione, evidenziando ancor più la sua attenzione all’ambiente, sia come spazi pubblici all’aperto che come gli ambienti da interno come abitazioni, uffici e scuole.
Anche quest’anno, Floramiata impreziosirà con le sue piante gli spazi espositivi o di rappresentanza del MiPAAFT e dell’ANVE (Associazione Nazionale Vivaisti Esportatori).

Tutto questo, sarà possibile conoscere e approfondire al Flormart di Padova presso gli spazi espositivi di Floramiata allo Stand 21 del Padiglione 5.

 

INTERVISTE

Floramiata si è presentata al Flormart dopo un 2018 e un primo semestre 2019 positivi, con una programmazione importante in termini di investimenti e innovazioni tecnologiche dedicati al settore gestionale e logistico, alla comunicazione, alla realizzazione di nuove serre a servizio di un vivaio esterno, come testimoniato nelle interviste rilasciate dall’amministratore delegato Marco Cappellini e dal Direttore Enrico Barcella, a Marco Conti di Amiatanews

No commnent

You might also like