SOSTENIBILITÀ

GEOTERMIA & FLORICOLTURA: ENERGIA SOSTENIBILE PER LA COLTIVAZIONE DELLE PIANTE TROPICALI

FLORAMIATA conta 183.000 mq di serre in ferro-vetro e ferro-policarbonato riscaldate con calore geotermico e 55.000 mq di tunnel singoli e multipli riscaldati con calore geotermico.

Gli impianti di produzione puntano ad una coltivazione che abbia il minor impatto ambientale possibile. Il riscaldamento è collegato a schermi termici mobili che consentono l’ombreggiamento e il risparmio energetico, riducendo del 30% la dispersione del calore attraverso l’irraggiamento. Gli impianti irrigui ad aspersione sono utilizzati per controllare i giusti livelli di umidità; i sistemi di irrigazione sono principalmente goccia-a-goccia e a tappetino che permettono il massimo risparmio idrico.

FLORAMIATA, PRODUZIONE A BASSO IMPATTO AMBIENTALE

Evitiamo l’emissione di 30.491 tonnellate di anidride carbonica all’anno!
La geotermia fornisce all’azienda 114 milioni di kWh per anno circa. Se tale calore dovesse essere prodotto bruciando gasolio sarebbero necessarie oltre 9.570 tonnellate di questo carburante, una quantità pari al 9,3% del fabbisogno annuale della provincia di Siena.

Catturiamo 600 tonnellate di CO2
Le piante che produciamo, attraverso i loro processi fotosintetici, sottraggono anidride carbonica fissando la CO2 presente nell’ambiente. Si calcola che i 3 milioni di piante ornamentali prodotte annualmente imprigionino nei loro tessuti circa 600 tonnellate di anidride carbonica, pari alla quantità catturata annualmente da 55 ettari di castagneto.

Sostenibilità