OLTRE 300 REFERENZE DIVERSE PRODOTTE

Una produzione di oltre 300 referenze diverse, appartenenti a oltre 60 specie diverse, tra le quali spiccano lo Spathiphyllum Martina TM , l’Anthurium, lo Scindapsus, la Dieffenbachia, la Schefflera e la Phalenopsis. Grazie alla temperatura costante di oltre 25 gradi anche durante la stagione invernale, l’alta qualità, la robustezza e la capacità produttiva viene garantita durante tutto l’anno mantenendo un basso impatto ambientale.

Prodotto esclusivo di Floramiata è lo Spathiphyllum Martina TM, ottenuto da meristema nel laboratorio di ricerca interno; pianta dal portamento elegante arricchito da splendidi fiori bianchi che lo rendono un prezioso componente d’arredo. Le tecniche di coltivazione utilizzate cercano di assecondare la crescita della pianta con apporti nutritivi e sistemi di forzatura non invasivi, ottenendo piante più robuste, dotate di una lunga shelf-life e capaci di integrarsi armoniosamente all’ambiente domestico a cui sono destinate.

Aglaonema

  Ha bisogno di luce ma non del sole diretto.

 

 

 

Durante il periodo della crescita occorre somministrare una volta al mese del fertilizzante completo di tutti gli elementi.

 

 

 

Il terriccio va mantenuto sempre umido, evitate i ristagni di acqua nel sottovaso che favoriscono i marciumi radicali.

Anteprima

Anturium Andreanum

Ha bisogno di essere collocata in una zona di penombra.

 

 

 

Da maggio ad agosto due volte al mese con un fertilizzante liquido completo.

 

 

 

Da ottobre a marzo moderatamente, abbondantemente in estate bagnando anche il sottovaso e le foglie due volte al giorno evitando però i ristagni d’acqua.

 

 

 

Anteprima

Beaucarnea

Ha bisogno di luce e sopporta anche il sole diretto.

 

 

 

Da marzo a ottobre con un fertilizzante liquido completo.

 

 

 

Il terriccio deve essere mantenuto costantemente umido anche se sopporta periodi di secco.

 

 

 

Anteprima

Croton

 

Luce diretta per favorire la colorazione delle foglie.

 

 

Da giugno a settembre fertilizzare le piante giovani una volta al mese mentre quelle di maggiori dimensioni una volta a settimana con fertilizzante Completo.

 

Queste piante soffrono la siccità. In inverno si annaffiano scarsamente in estate più di frequente spruzzando
anche le foglie.

Anteprima

Dieffenbachia

Ha bisogno di luce ma non del sole diretto. Durante l’inverno esporle il più possibile alla luce, in estate collocare i vasi all’ombra, evitare sempre le correnti d’aria.

 

 

Durante l’inverno si annaffiano moderatamente, in estate mai bagnarle da sopra ma sempre dal sottovaso evitando i ristagni d’acqua, spruzzare le foglie di frequente nel periodo caldo.

 

 

Durante la stagione vegetativa concimare con un fertilizzante Completo una volta a settimana.

 

 

 

Anteprima

Dipladenia

Gradisce posizioni molto luminose anche alla luce diretta del sole, se posta in un luogo troppo ombreggiato produce pochi fiori ma molte foglie.

 

 Per una migliore fioritura si consiglia di fornire del concime per piante da fiore ogni 8-10 giorni nel periodo vegetativo, da marzo a ottobre, e almeno una volta al mese in inverno.

 

Mantenere umido il terreno durante l’estate riducendo progressivamente rispetto alla temperatura. Annaffiare Normalmente.

Anteprima

Dracaena

Ha bisogno di luce ma non del sole diretto. Durante la stagione estiva è necessario collocarla in un posto ombreggiato.

 

 

Da maggio a settembre somministrare un fertilizzante liquido ogni 10 giorni.

 

 

Durante l’inverno le piante si tengono del tutto asciutte, da maggio a settembre si annaffiano abbondantemente mentre nelle stagioni intermedie si bagnano con moderazione.

Anteprima

Ficus Audrey

Ha bisogno di molta luce, ma evitare il sole diretto.

 

 

Durante il periodo di crescita, primavera e estate, ogni 15 giorni con un fertilizzante liquido da sciogliere in acqua.

 

 

In estate bagnare due volte la settimana, in inverno una. E’ meglio bagnare la pianta dall’alto evitando ristagni d’acqua.

Anteprima

Ficus Benjamina

“Ha bisogno di molta luce, resiste bene anche al sole diretto.”

 

 

 

Da maggio a settembre 2 volte al mese con fertilizzante liquido completo.”

 

 

“Si annaffiano abbondantemente in estate mentre in inverno si diminuiscono le quantità di acqua. Gli squilibri idrici sono la causa più frequente della caduta delle foglie.”

Anteprima

Ficus Bonsai Ginseng

“Posizionare in una zona luminosa, anche alla luce solare diretta.”

 

 

 

“Fornire un buon concime per bonsai per tutto l’anno, dimezzandone la dose in dicembre e gennaio e in luglio e agosto; evitare concimi eccessivamente ricchi di azoto, che tendono a favorire uno sviluppo di grandi foglie.”

 

 

“Ha bisogno di annaffiature regolari ma annaffiare solo quando il terriccio si asciuga. Non bisogna esagerare con l’acqua per evitare marciumi.”

 

 

Anteprima

Ficus Elastica

Ha bisogno di luce, ma non del sole diretto.

 

 

 

Da maggio a settembre concimare con un fertilizzante completo ogni due settimane.

 

 

Ha necessità di buone annaffiature però è opportuno lasciare asciugare il terreno in superficie prima di procedere con l’annaffiatura successiva. Nebulizzare anche quotidianamente le foglie durante la stagione calda.

 

Anteprima

Gardenia

Ha bisogno di luce ma non del sole diretto.

 

 

 

Da maggio a ottobre due volte al mese con un fertilizzante liquido completo.

 

 

Durante l’inverno il terriccio deve essere tenuto appena umido, in estate si annaffiano abbondantemente.

Anteprima

Maranta Variegata

Piante originarie della foresta equatoriale del Brasile e della Guyana dove crescono nei luoghi ombrosi del sottobosco. Le foglie hanno la particolarità di restare erette durante la notte e piegarsi durante il giorno questo per conservare l’umidità.Sono piante a rapido accrescimento per cui sono indicate per chi ha poca pazienza con le piante e desidera vedere subito i risultati. Le temperature ottimali per una buona coltivazione della Maranta sono tra i 20°C ed i 28°C.

 

MARANTA VARIEGATA
VP/18 H= 50 CM

Anteprima

Microsorum

Pianta originaria delle zone umide del sud-est asiatico (Sri Lanka, Nuova Guinea ed Indonesia). Il Microsorum è una felce ornamentale facile da coltivare e resistente alla siccità. La sua chioma è particolarmente originale, dura e anarchica, in varie forme. La pianta di Microsorum è anche chiamata “felce canguro” a causa dei suoi steli che sembrano zampe di canguro.

 

MICROSORUM
BK/20

Anteprima

Pachira aquatica

Albero originario della regione Centroamericana dove cresce nelle zone umide come gli estuari dei fiumi tropicali. In natura può raggiungere i 15 metri di altezza. La pianta è conosciuta come castagno della guiana in quanto produce dei semi commestibili consumati arrostiti o fritti.

 

PACHIRA AQUATICA
VP/15 H= 70-75 CM
VP/30 H= 165-175 CM

Anteprima

Philodendro

Appartiene alla famiglia delle Aracee originaria delle regioni tropicali dell’America, in particolare del Brasile, della Colombia, della Macrinica e della Guyana. La sua particolarità sono le foglie molto grandi e lucide di colore verde o porpora e di consistenza cuoiosa. La temperatura invernale minima è di 13°-16°C.

 

PHILODENDRO IMPERIAL GREEN
VP/12 H= 30 CM
VP/20 H= 45 CM

 

PHILODENDRO IMPERIAL RED
VP/12 H= 30 CM
VP/20 H= 45 CM

 

PHILODENDRO XANADU
VP/20 H= 45 CM

Anteprima

Poinsettia

Pianta originaria del Messico denominata come stella di Natale e appartenente alla famiglia delle Euforbiaceae. E’ una pianta fotoperiodica quindi fiorisce solo con un determinato numero di ore di luce (8-9 al massimo) mentre nelle altre ore devono stare al buio. La stella di Natale è una pianta che vive bene in un lasso di temperature abbastanza ampio, tra i 14 – 22 °C. Ama ambienti arieggiati ma non le correnti d’aria.

 

POINSETTIA
VP/10 H= 20 CM
VP/12 H= 25 CM
VP/14 H= 40 CM
VP/17 H= 20 CM

Anteprima

Sanseveria

“Ha bisogno di molta luce, e si può collocare anche a sole diretto.”

 

“Durante il periodo primaverile – estivo va concimata una volta al mese con un fertilizzante liquido completo. Durante il periodo autunno – invernale, sospendere le concimazioni.”

 

“Va considerata come una pianta grassa. Si annaffia solo quando il terriccio si asciuga. Non bisogna esagerare con l’acqua per evitare marciumi.”

Anteprima

Schefflera

Spontanea in alcune zone dell’oriente (sud della Cina, Giappone,Taiwan), cosi denominata in onore del botanico danese Jacob Christian Scheffler. Pianta rustica che si adatta anche a temperature notturne moderate.

 

SCHEFFLERA GOLD CAPELLA
VP/17 H= 70 CM

Anteprima

Scindapsus Aureus

Pianta originaria delle isole Salomone. Nel corso degli anni il nome ha subito diversi cambiamenti passando da Photos aureum a Raphidophora aurea, da Scindapsus aureus fino all’attuale Epiprenmun aureum. La temperatura minima sopportata e 10°-12°C.

 

SCINDAPSUS AUREUS
BK/16
BK/19
BK/22
CP/15

 

SCINDAPSUS AUREUS
VP/15 H= 60 CM
VP/17 H= 80 CM
VP/19 H= 100 CM
VP/24 H= 120 CM
VP/24 H= 130 CM

Anteprima

Spatiphyllum

 In inverno ha bisogno di una posizione luminosa, in estate è meglio una ombreggiata. Mai al sole diretto.

 

 Da marzo a settembre tre volte al mese con un fertilizzante liquido completo. Nel resto dell’ anno una volta al mese.

 

 Abbondante nel periodo estivo, in inverno va mantenuto solamente il terriccio umido. In estate è bene spruzzare frequentemente le foglie.

Anteprima

Syngonium

Pianta originaria del Messico a portamento lianiforme. Può sopportare una temperatura minima di 14°C .

 

SYNGONIUM ARROW
BK/18

Anteprima

Yucca

Originaria del Messico e Guatemala. In natura può raggiungere anche i 15 metri di altezza. Sopporta bene temperature abbastanza basse.

 

YUCCA
VP/12 H= 30 CM
VP/19 H= 45/30 CM
VP/21 H= 75/45/30 CM
VP/24 H= 90/60/30 CM
VP/27 H= 120/75/30 CM

Anteprima

Zamioculcas

Sebbene la pianta possa vivere bene anche in condizioni di scarsa luce, se posta in ambiente luminoso crescerà in maniera migliore. Da evitare comunque la luce diretta del sole che potrebbe provocare bruciature sulle foglie.

 

Utilizzare un fertilizzante liquido per piante verdi una volta ogni due mesi.

 

La pianta necessita di poca acqua. E’ indispensabile lasciare asciutto il terriccio tra una bagnatura e l’altra ed evitare che la pianta rimanga in condizioni di umidità per lungo tempo, quindi non lasciare mai acqua nel sottovaso.

Anteprima